Home
Psicologia
Raziologia
Puzzle della Comunicazione
Diario
Test
Info & Contatti
 
- Lassismo -
riabilita aiuti

Cos'è il lassismo?

Il fenomeno che si manifesta nei confronti di norme giudiriche e organizzative perché il soggetto non ci crede. Il lassista è colui che indebolisce le strutture sociali perché non segue le regole e al tempo stesso non vi è un sistema certo che punisca questi soggetti e che quindi li motivi a seguirle anche se non ci credono.

il lassimo esiste perché in qualche modo si lascia al soggetto libertà di non seguirle o perché non vi sono pene o perché le punizioni non vengono applicate/manca un sistema di controllo.

Non confondere il lassista con il negligente che è una persona che causa una bassa motivazione tende a fare le cose in modo rapido a metà, a volte sufficienti e a volte insufficienti con le conseguenze che questo produce.

Si legga rigore.

 

BOZZA

Lasciare che gli altri violino la convenzione presa perché non si è abbastanza motivati a fermarli, punire, interevenire, specialmente se il danno percepito da questo "non seguire ciò che si era detto" non è percepito particolarmente impattante.

 

Alla buona, inteso che come viene viene non si interviene, anche se ci sono delle convenzioni dietro, specialmente se questo "buona" è passabile anche se non come da accordi presi.

 

 

Il lassimo nella burocrazia.

 

Ciò che comunemente si dice "alla buona".

Lasciare che le cose vadano in uno specifico modo

 

Ha a che fare con la perfezione? Potrebbe se la convenzione presa è stata stabilita in un'ottica di perfezione, questo aumenta la probabilità di una reazione rigorosa.

 

La differenza con permissivo, la permissività si riferisce al fenomeno in cui il soggetto nonostante la convenzione data, invece di limitarsi a non seguirla chiede di poterlo fare in un'ottica occasionale. Quindi comunque è il soggetto ad avere il controllo e scegliere, questo potrebbe spingere a farlo concedere in un'ottica di, un domani potrei chiedre anche io permessi e comunque di sentirsi superiore/ancora con il controllo in mano.

 

 

Permettere, generico lasciar fare (senza specificare le motivazioni);

Acconsentire, le azioni dell'altro anche se non erano come d'accordo e non seguono le norme sono comunque sentite, approvate o apprezzate

assecondare

condiscendere, farlo perché si pensa che se l'altro è soddisfatto non ci punirà, non ci lascierà, etc...

concedere, si cede per quale motivo?

Transigere

 Lassismo

approvare, si approva tutto ciò che non danneggia?

 

indulgenza

disciplina

rigore, attenersi senza attenuante e transigenza

 

 

 

 

 

disciplina e lassismo

rigore e lassismo

perfezione e lassismo?

 

 

 

convenzione, le persone dicono cosa faranno l'una per l'altro, creano una situazione di scambio e si danno delle regole di comportamento in modo tale che tutto si svolga senza attriti, senza stizza, ma come da aspettative. La convenzione è stabilita dalle parti, le persone accettano. Non sempre è facile arrivare ad una convenzione perché alcune regole non sono chiare, non sono dette, non sono conosciute o sono percepite in modo distorto;

patto, il patto a differenza della convenzione che serve per far funzionare un'interazione, portando a farla durare, viene usato per sancire la fine di una guerra, la fine di un'ostilità in modo che si spezzino catene di rancore, vendette e ritorsioni, una convenzione particolare di fine interazione;

contratto, vincoli legali e conseguenze se non viene seguito da ambo le parti, la convenzione viene sancita in modo ufficiale;

promessa, dire ciò che si farà in futuro ma senza che vi siano vincoli, se non la propria parola data e quindi essere giudicati nel caso non lo si fa, questo ci fa comprendere comunque che dire di aver accettato una convenzione o in generale dire qualcosa non significa nulla se non c'è modo di contrattualizzarla;

impegno, si parla di impegno solo se una persona mette in gioco qualcosa che può perdere nel caso non fa ciò che ha promesso, ad esempio una persona potrebbe dire "se domani non ti faccio quello che ti ho promesso, la sera ti pago la cena" anche se comunque non essendoci vincoli contrattuali, la persona potrebbe sottrarsi anche alla pena da pagare;

 

accordo, quando le persone, proprio perché seguono la convenzione accettata non hanno problematiche di interazione. A volte si può andare d'accordo senza dire o fare nulla, a volte facendo poco, a volte lavorando abbastanza, trovando un modo che vada per entrambi, non solo per una questione di compromesso ma anche di sapere cosa fare e come fare per disinnescare comportamenti, dare ciò che l'altro ricerca, etc..

disaccordo, stato in cui la convenzione così come è stata posta non funziona, o perché non è chiara ad ambo le parti o perché non viene ocmpresa o perché non viene seguita;

appalto

norme, aspettativa data alle regole sociali (implicite)

 

La domanda ora è, come reagiscono le persone quando si viene meno alle convenizioni? A prescindere da tutte le casistiche particolari?

Si può reagire grosso modo in:

- rigore, il soggetto non transige e si oppone a qualsiasi comportamento non segua le convenizioni date;

- lassismo, particolare forma di transigenza verso convenzioni non rispettate. Il lassismo ha diversi gradi che ha un'ttica di convenienza a quello in cui si transige con conseguenze negative per il sistema. Questo perché il soggetto per diversi motivi non interviene, anche se non lo accetta inizialmente comunque tende a non avere alcuna reazione.

 

L'indulgenza si riferisce in generale invece al tendere a non stizzirsi se l'altro ha violato la convenzione se questo comunque si mostra pentito e fa qualcosa di simbolico per rimediare e far comprendere che è stato in errore e ha fatto qualcosa di sbagliato.

Arrivare ad una convenzione non è facile, possono esserci fasi di compromesso, ciò che conta è che una volta che le parti stabiliscono qualcosa, scatta la dinamica di rigore o lassismo.

 

Disambiguazione

Non confondere il lassismo con negligenza, mancanza di disciplina, 

disapprovazione

ultima modifica il: 26-07-2020 - 20:55:20
Sito Realizzato da Palombizio Valerio Giuseppe