Home
Psicologia
Raziologia
Puzzle della Comunicazione
Diario
Test
Info & Contatti
 
- Suscettibilità -
riabilita aiuti

Cos'è la suscettibilità?

Per suscettibilità si intende la comparsa di un'emozione causata da uno stimolo interno o esterno. Con la suscettibilità si sottolinea la differenza di intensità emotiva in una reazione, la differenza soggettiva, ad esempio dire "sei più suscettibile di Caio" vuol dire che c'è stata una reazione emotiva più intensa, il soggetto a parità di stimolo ha provato emozioni più intense.

Con questo termine si pone l'accento sul fatto che essere sensibili ci dice che quello stimolo ha attivato una reazione emotiva in noi, la suscettibilità ne considera l'intensità ed è da questa intensità che possono scattare reazioni emotive, far partire il fenomeno definito emotività.

Non solo, questo termine dà modo al soggetto anche di rendersi conto che la sua suscettibilità può variare, ci sono giorni dove uno stesso stimolo gli procura emozioni più intense, altri giorni meno intense.

Per questo ad una battuta potrebbe un giorno rispondere con un sorriso e in un altro giorno con rabbia esplosiva, a seconda della sua suscettibilità.

La suscettibilità varia per delle cause specifiche, se un giorno siamo particolarmente arrabbiati per altri motivi, tutto questo carico emotivo potrebbe spiegare l'aumento di risposta emotiva ad un ulteriore stimolo.

Questo ci fa capire come la suscettibilità può essere manipolata, producendo un cambiamento umorale e portando altri stimoli prima di esporre il soggetto allo stimolo di cui vogliamo variare l'intensità emotiva di risposta.

Questo vale sia per le emozioni negative ma anche per le positive.

Si legga sensibilità.

DA RIVEDERE

 

Sembrano banalità ma una persona suscettibile ad esempio al risentimento fa fatica ad integrarsi nei gruppi perché quando ascolta gli altri parlare inizia a provare delle emozioni che gli altri non provano o comunque mentre gli altri sono leggermente infastiditi e riesconono comunque a sopportare integrandosi questo soggetto è così irritabile che entra in uno stato di intrattabilità per quanto risentimento prova. 

La suscettibilità verso le emozioni negative aumenta la probabilità che un soggetto diventi insofferente, ovvero inizi a manifestare reazioni comportamentali basate sul fatto che quelle emozioni negative iniziano ad influenzarlo e non riesce ad opporsi ad esse ma in alcuni casi estremi perfino reazioni borderline dove il soggetto agisce per impulso talmente è coinvolto emotivamente.

Prendiamo il caso della ricettività, una persona suscettibile su un determinato settore faticherà ad essere ricettivo, come potrà parlare lucidamente di qualcosa se nel frattempo sta "ribollendo dentro".

Nel linguaggio comune infatti si definisce suscettibile quella persona che reagisce quasi immediatamente quando le si va a toccare "il tasto dolente", le forme di suscettibilità più diffuse sono probabilmente quelle sul risentimento, maggiore è l'intensità emotiva maggiore sono le probaiblità di una reazione comportamentale a volte quasi istantanea.


Quali sono i rischi della suscettibilità? L'AB ne individua tre:

- minori probabilità di essere ricettivi negli argomento dove sono suscettibili;

- se la loro suscettibilità ricade in amibiti esistenziali (cioè eventi con cui si ha a che fare giornalmente) è probabile che questa persona sviluppi disturbi o comunque problematiche rilevanti come abbassamento dell'umore, alterazioni comportamentali, etc..;

- tendono ad avere più problemi nel costituire un rapporto compatibile dato che difficilmente si può accettare una persona suscettibile in qualcosa, specialmente se quel qualcosa non si può evitare e fa parte del rapporto quotidiano.

 

Pagina di disambiguazione nell'articolo sulla permalosità.

 

 

"tutto mi infastidisce, soprattutto le altre persone con i loro atteggiamenti irritanti, le loro stupide richieste e l'egoismo ed egocentrismo galoppante, vorrei solo essere lasciata in pace invece gli altri non si fanno scrupolo di disturbarmi e ammorbarmi con le loro richieste e i loro discorsi per cui non nutro il minimo interesse, prendendomi per una specie di diario segreto e ignorando o non vedendo il mio malessere perché troppo focalizzati su loro stessi. Qualcuno potrebbe giustamente dirmi che non è compito loro il sobbarcarsi dei miei problemi ma nemmeno io ho la forza o interesse per ascoltare i loro, ho già abbastanza da pensare per me. Un tempo non ero così ma con il passare del tempo sto diventando sempre più misantropa e asociale."

"Io vorrei solo essere lasciato in pace, tutto è un insulto al mio debole equilibrio.
Il lavoro mi stalkera
La gente con le sue necessità mi stalkera
I rumori molesti mi molestano
etc.
Non è una depressione così forte da non farmi alzare dal letto, però allo stesso tempo è un tremendo fastidio per tutto che ciò che vada oltre al minimo indispensabile per vivere
chissà cos'è boh."

APPUNTI:

La suscettibilità aiuta a capire il concetto di ipersensibilità? Qual è la differenza?

Suscettibilità che evolve in insofferenza, la persona si rende conto che le emozioni sono così intense che comunque fa fatica ad opporsi.

Suscettibilità che evolve in stato borderline , la persona perde completamente la lucidità e agisce di impulso

 

 

ultima modifica il: 16-05-2020 - 11:36:21
Sito Realizzato da Palombizio Valerio Giuseppe